Profezia e politica in Emmanuel Mounier

Profezia e politica in Emmanuel Mounier

Nucleo strategico del pensiero utopico del Novecento

208 pagine

Collana: Oi christianoi Autore: Luciano Nicastroisbn: 978-88-6124-303-3

-+

Profezia e politica sono stati sempre ritenuti due poli opposti e inconciliabili, ma in realtà costituiscono le polarità dialettiche di un’unica avventura umana, di progresso e di senso, laico e cristiano, in una storia strutturalmente aperta verso “nuovi cieli e una nuova terra”. Nel saggio si approfondisce la centralità strategica del pensiero politico-utopico di Emmanuel Mounier e il suo impianto valoriale, circolare e dialettico di libertà, eguaglianza e fraternità attraverso l’analisi rigorosa del fondamento del civis nella persona umana e del nesso inscindibile tra individuo e comunità e tra profezia e politica su cui edificare la struttura civile della democrazia fraterna secondo Maritain e La Pira. Profezia e politica vanno riannodate perché, se si spegne la profezia, muore la persona umana e la politica da utopica diventa utopistica e da democratica diviene demagogica e totalitaria, come nelle disumane esperienze politiche del Novecento. Vengono così indicate le linee culturali e spirituali di un socialismo mounieriano “compatibile”, a livello antropologico e politico, e strutturalmente “possibile”, in termini di realismo della utopia umanistica, che si edifica nella libertà, dal basso, nella società civile, nei luoghi dell’abitare, nelle scuole della formazione e nelle esperienze coinvolgenti di un impegno politico generoso. È quindi riproposto il Socialismo bianco come via maestra strategica e pratica per costruire nuovi e forti legami di solidarietà e testimoniare le virtù civiche di una civiltà urbana più fraterna, personalistica e comunitaria capace di sostenere la sfida dell’individualismo di massa, consumistico e indifferente della folla solitaria.

Della stessa collana