Parroci di Kabul (I)

Parroci di Kabul (I)

Una strana missione tra diplomatici, Mujaheddin e Beduini

496 pagine

Collana: La nube, la via Autore: Giovanni Rizziisbn: 978-88-6124-583-9

-+

Il volume raccoglie una documentazione selezionata e significativa sugli ormai oltre 80 anni di una strana missione iniziata quando Amanullah, re dell’Afghanistan, accolse la richiesta di alcuni diplomatici e tecnici occidentali, che lavoravano in quel paese, di avere un cappellano cattolico che svolgesse il suo servizio religioso in tutto il paese. L’accordo tra gli Stati dell’Afghanistan e dell’Italia e la Santa Sede, stipulato nel 1921 e reso operativo nel 1 gennaio 1933, non fu mai revocato in tutte le vicissitudini politiche del paese. La Monarchia Afghana, il sorgere della Repubblica dell’Afghanistan, la successiva egemonia sovietica, i talebani “signori della guerra”, dopo l’11 settembre 2001 la coalizione internazionale e l’attuale governo di Karzai non hanno mai messo in discussione la presenza di un cappellano italiano per i cattolici e per i cristiani presenti nel paese. Si sono avvicendati senza interruzione cinque sacerdoti barnabiti che hanno sempre rispettato le condizioni richieste di non svolgere alcuna forma di propaganda religiosa o di evangelizzazione presso la popolazione locale. Questa storia quasi incredibile è qui sinteticamente presentata attraverso lettere, diari, relazioni e testimonianze inedite. È un Afghanistan diverso, vivo, osservato da occhi attenti e onesti che raccontano una realtà ignorata dai mass media.

Della stessa collana

Dello stesso autore