Quando il futuro governava il presente

Quando il futuro governava il presente

La storia di Alberto Scandone, un politico pressato dalla Grazia

200 pagine

Collana: Synodia Autore: Aldo Bondiisbn: 978-88-6124-580-8
Prima edizione

-+

Consapevole fin dall’adolescenza della propria responsabilità morale e storica, Alberto si formò culturalmente e religiosamente nella Firenze di La Pira, ricca di fermenti, e nel clima ecumenico di due collegi svizzeri. Allontanatosi dalla Chiesa cattolica nel 1961, s’impegnò con passione in un progetto politico che fosse all’altezza del “crinale apocalittico” degli anni Sessanta, rispondendo all’esigenza di portare a compimento la giovane e incerta democrazia italiana. Dalla fondazione di “Nuova Resistenza”, all’azione svolta come dirigente della Federazione giovanile socialista (1964-66), dalla poliedrica attività pubblicistica su Astrolabio, Rinascita, l’Unità e sul quotidiano palermitano L’Ora, no alla sua adesione al PCI (1968) e all’intenso lavoro svolto a Botteghe Oscure, si articola un percorso in cui l’attenzione per il mondo cattolico e l’interesse per la ricerca teologica non vennero mai meno. L’audace progetto politico del “compromesso storico” berlingueriano cui diede il suo creativo contributo e l’inquieta e onesta ricerca interiore, testimoniano quella “volontà di futuro” che farà approdare la sua breve ma intensa esistenza a una lucida resa all’amabile azione della Grazia. 

Della stessa collana