Antonio Palladino (1881-1926)

Antonio Palladino (1881-1926)

Un prete

248 pagine

Collana: Oi christianoi Autore: Angelo Giuseppe Dibiscegliaisbn: 978-88-6124-402-3

-+

Il volume è dedicato alla figura del prete Antonio Palladino (1881-1926) – parroco e fondatore Congregazione delle Suore Domenicane del Santissimo Sacramento – e alla sua inedita modalità di vivere il sacerdozio, all’interno del contesto della Chiesa di Cerignola, in provincia di Foggia, agli inizi del Novecento. Si trattava, allora, di un mondo ecclesiale legato ad una azione pastorale formale e fortemente dominata da una tradizionale – ma già ormai vetusta – ritualità, all’interno della quale, nella maggior parte dei casi, il clero appariva lontano dai fedeli, insensibile alle emergenze sociali, legato alla difesa delle personali prerogative e ad interessi di parte, dove il vantaggio del proprio ministero spesso coincideva con quello della propria famiglia. In quella realtà dei rioni di Cerignola più abbandonati, abitati da braccianti e povera gente, e dai nomi tristemente suggestivi (Senza Cristo, Pozzocarozza, Piano delle Fosse), don Palladino fu attento esecutore dei principi ispirati dal più recente magistero sociale di Leone XIII. Egli, infatti, promosse il superamento del tradizionale senso di indifferenza verso il contemporaneo processo di centralizzazione romana e rappresentò la risposta ecclesiale agli attacchi anticlericali di matrice socialista e liberale. La sua fu una inedita metodologia pastorale che da una innovativa concezione della parrocchia fu in grado di dimostrare – in un’attenta lettura del presente – quale fosse il significato dell’impegno “nuovo” che attendeva, nel Novecento, i cattolici “fuori di Sagrestia”.

Della stessa collana