Pietro e Paolo

Pietro e Paolo

La "roccia" e "il più piccolo" degli apostoli a confronto

296 pagine

Collana: Oi christianoi Autore: Enrico Cattaneoisbn: 978-88-6124-774-1

-+

Un nuovo libro su Pietro e Paolo? Non esattamente. È piuttosto un mettere faccia a faccia i due apostoli: l’uno, Simon Pietro il galileo, chiamato da Gesù Kefàs, Cefa, cioè “Pietra”, “Roccia”, e l’altro, l’ebreo di Tarso di nome Saul, diventato poi Paolo, dal latino Paulus, cioè “piccolo”. Le domande che ci poniamo sono queste: Pietro e Paolo si sono conosciuti? Si sono mai incontrati? E dove? Che cosa dicono l’uno dell’altro? E come vengono presentati insieme nelle prime fonti letterarie? È attendibile la tradizione secondo la quale tutti e due avrebbero subìto il martirio a Roma? I luoghi di culto, dove si ritiene siano conservate le loro tombe, o ciò che resta delle loro reliquie, – sotto la Basilica di San Pietro in Vaticano e nella Basilica di San Paolo fuori le mura – hanno una qualche garanzia di veridicità storica? Che cosa dire di quella storiografia che ha presentato i due apostoli come contrapposti corifei di due visioni antitetiche del cristianesimo, una giudaizzante e legalista (Pietro), e l’altra libera dalla Legge e universalistica (Paolo)?  

Questo studio non intende affrontare questioni che sono tra le più complesse e impegnative della Chiesa antica, ma solo ripercorrere i testi letterari che ricoprono quell’arco di tempo abbastanza lungo che va dalla “conversione” di Saulo/Paolo (33 ca d.C.) fino a Ireneo di Lione (200 ca), l’ultimo che poteva ancora dire di aver conosciuto un testimone dell’epoca apostolica. 

In questo modo l’autore intende dare il suo contributo alla conoscenza, sempre affascinante, del primo cristianesimo.

Della stessa collana

Dello stesso autore