Cristo povero Chiesa dei poveri

Cristo povero Chiesa dei poveri

Percorsi per una rinnovata testimonianza evangelica della Chiesa

144 pagine

Collana: Oasi Autore: Maurizio Aliottaisbn: 978-88-6124-775-8

-+

La povertà, con le molteplici forme di sottosviluppo ad essa collegate, è uno dei “segni dei tempi” più eclatanti della nostra epoca. Essa coinvolge non solo intere popolazioni di paesi che soffrono un sottosviluppo endemico, ma anche vasti settori delle popolazioni dei paesi ricchi e tecnologicamente più avanzati. Diverse campagne di lotta alla povertà su scala mondiale sono miseramente naufragate. Inoltre, si è rafforzata la dottrina che povertà e poveri siano un “danno collaterale” inevitabile se si vuole perseguire il progresso dell’umanità. Se nel passato la teologia ha proposto una sua lettura della povertà, oggi è necessariamente coinvolta nell’analisi della povertà e nella lotta per il suo superamento. Ma come si può parlare della povertà, in prospettiva teologica, come “segno dei tempi”, vedere in essa un “luogo teologico”? Come può essere una fonte di conoscenza per la riflessione teologica, di concerto con gli altri luoghi teologici? L’attenzione (la “scelta preferenziale”) ai poveri non è più solo una virtù individuale, ma deve essere coscienza di chiesa. Di più, l’auspicio programmatico del neoeletto vescovo di Roma, Francesco, «come vorrei una chiesa povera e dei poveri», spinge a domandarsi se il “dei poveri” sia una nota puramente congiunturale o non invece una nota costitutiva della chiesa.

Della stessa collana