Monoteismo plurale

Monoteismo plurale

104 pagine

Collana: Ai Crocevia pocket Autore: Luigi Azzariti-Fumaroliisbn: 978-88-6124-772-7

-+

Movendo dalla riflessione teo-logica di Schelling nel suo riconoscere, attraverso le peculiari risorse offerte dal giudizio infinito, Dioin una indeterminazione ontologica che rende il concetto stesso, predicativamente declinato, del tutto “inerte” a cospetto di Dio, questo studio si propone di esaminare la funzione che, in tale orizzonte di pensiero, è svolta dalla Chiesa nel suo sviluppo storico e spirituale. L’“ecumenismo spirituale”, al quale la Chiesa futura dovrebbe, per Schelling, ispirarsi poggerebbe infatti su una “pluralità” monoteistica consonante con la vocazione più autentica di una ecclesia che intenda dare espressione alla pura potentia existendidi Dio. Qui – si legge in un’ispirata pagina di Schelling – «come in un germe infinitamente fecondo, dorme in quell’unità eterna con l’abbondanza delle sue figure, la ricchezza della vita e la pienezza dei suoi sviluppi, temporalmente senza fine, ma qui assolutamente presenti, e passato e futuro, entrambi senza fine per il finito, qui giacciono insieme, indivisi, sotto una coltre comune».